top of page
Sable blanc et pierre

Ouvre ta conscience...

Cerca

Simbolico dei rami di palma e della vita eterna per il principio di ramificazione

La festa cristiana dei tralci evoca l'ingresso trionfale di Gesù Cristo a Gerusalemme, è il primo giorno della Settimana Santa durante il quale i cristiani celebrano la passione di Cristo. Mais il simbolo dei rametti risale più indietro nel tempo! Un rito pagano che celebrava il rinnovamento della vegetazione e che facilitava la fertilità. Il principio della ramificazione è semplice, quando pensiamo ad un albero, vediamo i suoi rami in cui la vita si pente e perpetua il suo ciclo eterno, è così che si adatta al suo ambiente, come l'uomo ossigena questi organi, e trasmette la sua eredità di generazione in generazione, mentre l'universo crea le sue connessioni...



Se analizziamo il nome "Twigs", pensiamo ovviamente ai piccoli rami dell'albero. Per i cristiani, la Domenica delle Palme, Domenica delle Palme (con la lettera maiuscola), detta anche Pasqua fiorita o Domenica delle Palme, è la domenica prima di Pasqua, il giorno in cui si indossano i rami di ulivo in ricordo dell'ingresso di Gesù Cristo a Gerusalemme.


Il ramo d'ulivo presso gli antichi era simbolo di pace e di supplica. Nella mitologia, il Ramo d'Oro, era il ramo portato da uno degli alberi che circondavano l'ingresso dell'inferno, e che doveva essere raccolto per presentarlo alle divinità infernali quando si voleva discendere nel loro regno; appena raccolto, ne spingeva via un altro.


Il principio della ramificazione e della vita:


È per ramificazione che l'albero si adatta al suo ambiente ed evolve, così come fa l'uomo per suddivisione dei vasi sanguigni e dei nervi che inviano i loro rami ai nostri organi, così come i corsi d'acqua, insomma, il ramo rappresenta la vita.


"L'uomo è un albero di cui i piedi sono la radice e le mani i rami, in questo albero circola una linfa energetica, è indispensabile per questo che ci siano rami di circolazione!"



"L'uomo è un albero di cui i piedi sono la radice e le mani i rami, in questo albero circola una linfa energetica, è indispensabile per questo che ci siano rami di circolazione!"



Rami biblici: Dominica in Palmis


Già nella Bibbia era prefigurato nel ramoscello d'ulivo che la colomba portava nel becco, per annunciare la fine del diluvio: La colomba tornò da Noè la sera e qui aveva un ramo fresco nel becco. (Genesi 8, 11). Era un messaggio di perdono, pace restaurata e salvezza.


Nel racconto della vita di Gesù, quando quest'ultimo entra a Gerusalemme, a cavallo di un asino, simbolo della sua grande umiltà, all'inizio della settimana pasquale ebraica, accolto trionfalmente dalla folla dei suoi discepoli che gli gettano rami di palma , questo giorno di gloria è anche l'annuncio della sua condanna a morte... evocando così il ciclo effimero della vita permettendo l'effetto farfalla della fede che riaffiora a Pasqua.



È in memoria di questo giorno che i cattolici portano dei rami, che quando vengono benedetti vengono tenuti in mano dai fedeli che iniziano la processione intorno a Pasqua. Terminata la celebrazione, la tradizione vuole che i rami benedetti vengano presi per decorare le croci nelle case, come gesto di venerazione e fiducia nel crocifisso, e per proteggere la dimora.


In Francia e Germania i rami sono quelli del bosso o dell'alloro; ma in Spagna e in Italia si usano anche l'olivo e la palma, mentre in Inghilterra è più spesso usato il salice e in Scandinavia la betulla. In America la Palma. Solitamente i rametti vengono poi conservati durante tutto l'anno fino al mercoledì delle ceneri della Quaresima successiva, dove vengono poi trasformati in cenere, per poi essere posti durante la messa sulla fronte dei fedeli.

Più efficace della sostituzione delle feste pagane con feste cristiane fu la cristianizzazione delle piante stesse, estendendo gli antichi riti pagani legati al risveglio della natura dove il ramo verde simboleggiava la vittoria della vita e dell'amore.


L'origine dei rami: L'albero della vita


È l'albero della vita, quello ramificato, con rami che si estendono fino al cielo e radici profonde nella terra. In varie culture, è conosciuto come l'albero cosmico, l'albero del mondo e l'albero sacro per la sua ramificazione.

In varie culture, è conosciuto come l'albero cosmico, l'albero del mondo e l'albero sacro per la sua ramificazione.



L'Albero della Vita simboleggia saggezza, protezione, forza, generosità, bellezza e redenzione. Questo albero saggio e santo è come il Creatore, perché sostiene la creazione con il suo frutto abbondante, la sua protezione e la sua generatività, grazie ai Rami che genera proprio secondo lo stesso principio di ramificazione delle connessioni universali all'origine del naturale frattali della creazione.


Cambia con la communità:
As-tu un arbre de vie?

Condividi la tua sperienza nei commenti
 

Segui il mio blog www.calistabellini.com e iscriviti alla newsletter per rimanere informato delle mie attivita e ricevere i miei articoli quotidiani nella tua mail!


Seguimi su Instagram - Facebook


Inviami una mail : Info@calistabellini.com


Iscriviti al mio gruppo facebook: SPIRITUALISE TOI!



20 visualizzazioni

Comments


Attività
bottom of page